“La condizionalità sociale dovrà stroncare il caporalato e premiare chi crea occupazione di qualità”.

Alla Plenaria del Parlamento europeo, dello scorso 23 novembre 2021, si è svolta una discussione congiunta sulla PAC, la Politica Agricola Comune 2021-2027 importante per il settore a livello europeo e nazionale.

L’europarlamentare M5S, Daniela Rondinelli è intervenuta durante la discussione congiunta sottolineando che l’accordo raggiunto, frutto di negoziazioni durate tre anni e mezzo, è fondamentale perché garantisce il mantenimento della PAC, integrata – per la prima volta – da una architettura verde e dalla condizionalità sociale.

Un principio secondo cui non potranno accedere ai fondi europei le aziende agricole che non rispettano i diritti fondamentali dei lavoratori agricoli.

PAC, LA VERA SFIDA COMINCIA DA DOMANI

Gli Stati Membri dovranno saper declinare i nuovi principi nei Piani Strategici Nazionali. Accompagnando migliaia di piccoli agricoltori ad innovare e rendere sostenibili le loro produzioni, garantendo il loro giusto reddito.

Per questo l’allineamento della PAC col Green Deal dovrà associare certezza giuridica ad obiettivi ambiziosi, monitorabili e realistici.

La condizionalità sociale dovrà stroncare il caporalato e premiare chi crea occupazione di qualità, consentendo la detrazione dei costi di manodopera dal calcolo sul capping.

 

È giunto il momento di estendere l’obbligo d’indicazione del Paese d’origine a tutti i prodotti. Di respingere sistemi di etichettatura fuorvianti come il Nutriscore. Di assicurare una proiezione esterna forte della PAC, garantendo negli accordi commerciali la reciprocità degli standard ambientali, sociali e sanitari.

Solo tenendo insieme la dimensione locale e globale, – conclude Rondinelli – così come i tre pilastri della sostenibilità, potremo davvero rafforzare il settore agroalimentare, facendolo diventare avanguardia della rivoluzione verde e sociale che la nuova Europa intende rappresentare.

 

Print Friendly, PDF & Email