Inizia oggi alle 15,00 la maratona che porterà all’elezione del nuovo Presidente della Repubblica. Seguiremo la diretta odierna, live,  con gli aggiornamenti riguardo le dichiarazioni dei protagonisti, le schermaglie e le strategie che saranno messe in campo dai leader di partito. ( aggiorna la pagina per le notizie live)

Il primo colpo di scena, purtroppo, lo fornisce la morte di uno dei 1009 grandi elettori. L’onorevole Vincenzo Fasano di Forza Italia è venuto a mancare all’affetto dei suoi cari e a quello dei suoi compagni di partito. Ora il numero degli elettore scende a 1008 così come il quorum dei due terzi che va a 672 voti. Secondo quanto riportato da ANSA questa mattina, la soluzione sarebbe una velocissima nomina del primo dei non eletti che potrebbe partecipare al voto dalle 15,00


DIRETTA


ore 19,19 – Ansa -Andrea Orlando, ministro del Lavoro:  “L’auspicio è di trovare al più presto una soluzione che sia all’altezza di una fase difficile. Credo che si debba provare a dare una soluzione di alto profilo, forte anche fuori dai palazzi, ai rischi che nei prossimi mesi si possono determinare nella combinazione tra crisi sociale ed istituzionale. Il problema non è soltanto quale organigramma e quanto dura la legislatura ma in che stato di salute può uscire da questo passaggio la Repubblica”.

ore 18.09 – Ansa – Stefano Buffagni: “Stiamo lavorando per un nome al posto della scheda bianca”. Lo ha detto il deputato del M5s , entrando alla Camera.

ore 17,46 – Ansa -Luigi Vitali, senatore di Forza Italia: “Dopo il gesto di grande generosità del Presidente Berlusconi che, ancora una volta, ha privilegiato l’interesse nazionale all’investitura ottenuta da tutto il centrodestra e condivisa da altri settori parlamentari, ci aspettavamo altrettanto senso delle Istituzioni da parte del PD
ed in particolar modo del suo Segretario”. 

ore 16,36 – Ansa – Finita nell’Aula di Montecitorio la chiama dei senatori per l’elezione del presidente della Repubblica. Ora parte la chiama dei deputati

ore 16,27 – Adnkronos – Matteo Renzi:  “Draghi è una delle ipotesi in campo, non è la sola ma è una delle ipotesi in campo e sta in piedi solo in un quadro accordo politico. L’elezione del presidente della Repubblica non può essere un gesto di risulta tecnocratica ma una scelta politica e questo impone un accordo sul governo dopo”. 

ore 16,09 – Italpress – Danilo Toninelli: “Conte ha proposto un nome bellissimo che rappresenta una persona di pace, di unione e di vicinanza a persone che non stanno bene. Adesso si rispetta quanto deciso da Conte e quindi scheda bianca”. Così il senatore M5S prima di entrare per l’elezione del presidente della Repubblica, in merito alla possibile candidatura di Andrea Riccardi.

ore 15,48 – Adnkronos – Bossi: “Berlusconi? Ha coraggio ma gli manca la pazienza”

ore 15,46 – Agi – Incontro tra Matteo Salvini e Giorgia Meloni negli uffici della Camera

ore 15,12 – Iniziate le procedure di voto. Prima chiama più lenta per via delle modalità richieste dall’emergenza Covid. Tre diverse urne, prevista sanificazione delle mani all’ingresso.

ore 15,04 – Agi – “Fratelli d’Italia e’ disponibile ad allargare la rosa dei nomi di centrodestra, oltre a Nordio, anche ad altre personalita’ che rispondessero ai requisiti di autorevolezza, che siano rispettosi della volonta’ popolare e con a cuore gli interessi nazionali”. Lo scrive in una nota Fratelli d’Italia.
Fratelli d’Italia, si legge nella nota, “ha piena ed eguale fiducia in tutti i nomi della rosa del centrodestra che sono circolati e che Giorgia Meloni ha ricordato nel corso dell’assemblea dei grandi elettori di FdI. Dopo l’inaccettabile pregiudiziale negativa della sinistra su qualsiasi nome proveniente dal centrodestra, Fratelli d’Italia propone di aggiungere personalita’ che nella loro storia non hanno avuto alcun trascorso politico. Tra queste, anche su suggerimento dell’autorevole Fondazione Einaudi, e’ stato proposto il nome di Carlo Nordio, per rendere piu’ agevole la convergenza di altre aree politiche qualora non ci fosse da parte della sinistra un atteggiamento strumentale”. 

ore 15,02 – Labitalia – La rinuncia di Silvio Berlusconi dà il via alla corsa al Quirinale di Pier Ferdinando Casini: nelle ultime ore la quota del senatore, riporta agipronews, crolla da 13 a 4 sulla lavagna di Ladbrokes, alle spalle del favorito Mario Draghi, che però sale da 1,80 a 2,10. Ancora in gioco la presidente del Senato, Elisabetta Casellati, a 7, e la ministra della Giustizia, Marta Cartabia a 9. Per i bookmaker si allontana invece l’ipotesi del secondo mandato di Sergio Mattarella, ora a 12 (era a 8). Si gioca a 15 l’elezione del vicepresidente della Corte costituzionale, Giuliano Amato, con il Commissario europeo per gli affari economici Paolo Gentiloni a 17. Spuntano in fondo alla lavagna Franco Frattini e Gianni Letta, entrambi a 21 volte la scommessa.

ore 14,46 – Akanews – In attesa della prima votazione per il presidente della Repubblica, alle 15, sono giunte nel Transatlantico di Montecitorio le seantrici a vita Liliana Segre ed Elena Cattaneo. Insieme agli altri senatori a vita – Carlo Rubbia, Renzo Piano, Mario Monti e l`ex presidente Giorgio Napolitano – saranno le prime a votare per il capo dello Stato.

ore 14,28 – Italpress – “L’incontro tra Letta e Salvini potrebbe essere molto importante, innanzitutto per rimuovere quello che finora ha bloccato: il fatto che nel centrodestra ci si senta depositari per dare indicazione. Il metodo deve essere diverso, ci si deve sedere davanti a un tavolo per far venire fuori una figura ne’ di destra ne’ di sinistra, ma una figura che rappresenti un altro profilo che interpreti il popolo italiano, un garante”. Lo ha detto il presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani, parlando con i giornalisti prima di entrare alla Camera.

ore 14,04 – Agi – “Non poniamo veti ma non vogliamo veti”. Questa – secondo quanto riferiscono fonti parlamentari – la posizione di FI sull’elezione del presidente della Repubblica. Il coordinatore azzurro Tajani, all’assemblea dei grandi elettori di FI, ha annunciato ufficialmente che alla prima votazione l’indicazione e’ di optare per la scheda bianca.

ore 13,57 – Ansa – Giuseppe Conte: “Sul Quirinale siamo chiamati a una grande responsabilità, ma non possiamo trascurare che ci sono cittadini, famiglie e imprese che hanno urgenze impellenti:l’azione del Governo non si può fermare. Siamo ancora in piena emergenza sanitaria, economica. C’è ancora molto da fare”. Così in un tweet il leader M5s  che ha lasciato Montecitorio dove dovrebbe comunque tornare per seguire l’andamento delle votazione dagli uffici del gruppo.

ore 13,51 – Adnkronos – Coraggio Italia riunirà i suoi 32 grandi elettori insieme al presidente Luigi Brugnaro alle 14, presso l’hotel Nazionale in piazza Montecitorio

ore 13, 40 – Ansa – E’ iniziata da pochi minuti l’assemblea dei grandi elettori di Forza Italia. La riunione si è aperta con un minuto di silenzio in ricordo di Enzo Fasano, il deputato scomparso ieri

ore 13,34 – Askanews – In attesa di conoscere il nome del prossimo Presidente della Repubblica, Cambia il parco auto del Quirinale. Per i prossimi 3 anni la fornitrice ufficiale sarà la Jaguar Land Rover di Roma IWR Automotive.

ore 13,33 – Askanews – Maurizio Lupi,presidente di Noi con l’Italia: “I grandi elettori di Noi con l’Italia oggi voteranno scheda bianca. Ribadiamo quanto diciamo da sempre:il problema è innanzitutto di metodo, troviamoci e cerchiamo un nome condiviso, senza veti reciproci e senza nomi avanzati preventivamente”

ore 13,04 – Ansa – La deputata no vax Sara Cunial non potrà votare nel seggio speciale Covid allestito nel parcheggio di Montecitorio per eleggere il presidente della Repubblica. Per accedere al seggio speciale allestito in via della Missione, è stato ricordato, servirà trasmettere alla Camera il certificato medico che attesta la quarantena o l’isolamento causa positività al Covid. Cunial non si trova in nessuna di queste situazioni e non ha il green pass per entrare alla Camera

ore 13,02 – Ansa – Una “apertura di dialogo vero con il centrodestra e la volontà di preservare Andrea Riccardi come profilo ideale” di candidato alla presidenza della Repubblica. E’ quanto emerge dal vertice di Pd, M5S e Leu, a quanto riferiscono fonti del Nazareno. I leader e i capigruppo si sono visti dopo le assemblee dei rispettivi grandi elettori per “condividere le conclusioni” dei loro partiti e confermare la scheda bianca alla prima votazione

ore 12,40 – Agi – Sandro Ruotolo, senatore del gruppo misto:  “Oggi al primo scrutinio voteremo scheda bianca. Nessuno degli schieramenti ha i numeri necessari per eleggere da soli il Capo dello Stato. Serve un compromesso.
Dobbiamo eleggere il Capo dello Stato e contemporaneamente garantire la prosecuzione della legislatura. Non ci possiamo permettere lo scioglimento anticipato delle Camere. Non ci sono alternative al governo di emergenza nato per fronteggiare la pandemia e la ripartenza. Non sarebbe possibile un governissimo con i leader politici. Ci troviamo, dunque, in una strettoia e abbiamo bisogno di uscirne rapidamente e bene

ore 12,06 – Adnkronos – Sarà Maria Rosa Sessa detta Rossella a subentrare al posto di Enzo Fasano, il deputato di Forza Italia, morto ieri. Lo ha annunciato su twitter il deputato e capogruppo del Pd in commissione Affari Costituzionali, Stefano Ceccanti.

ore 12,05 – Adnkronos – Il centrosinistra voterà scheda bianca alla prima chiamata dei grandi elettori per il Quirinale. Lo hanno deciso le delegazioni di Pd, M5S e Leu alla riunione con i leader alla Camera

ore 12,04 – Lapresse – Meloni: “Comunque vada FdI sosterrà il ritorno alle urne 

ore 11,54 – Dire – I 32 grandi elettori di Coraggio Italia si riuniranno assieme al presidente Luigi Brugnaro oggi alle 14 presso l’Hotel Nazionale in Piazza di Monte Citorio, 13

ore 11,51 – Askanews – Mariotto Segni:  “Non so indicare un favorito, tanta è la confusione. Ma per me il candidato ideale sarebbe Draghi, ci darebbe una copertura nazionale e internazionale. Sette anni di garanzia per l’Italia”.

ore 11,35 – Dire – E’ iniziato alla Camera il vertice di centrosinistra tra Enrico Letta, Roberto Speranza e Giuseppe Conte. I tre leader sono accompagnati dai rispettivi capigruppo.

ore 11,33 – Dire –  Ecco l’ordine in cui voteranno i deputati oggi pomeriggio per l’elezione del presidente della Repubblica:

ore 16.41 – 16.53: deputati da Acunzo a Berti (n.50);
ore 16.54 – 17.06: deputati da Bianchi a Caparvi (n.50);
ore 17.07 – 17.19: deputati da Capitanio a Cominardi (n.50);
ore 17.20 – 17.32: deputati da Conte a Di Giorgi (n.50);
ore 17.33 – 17.45: deputati da Di Lauro a Fraccaro (n.51);
ore 17.46 – 17.58: deputati da Fragomeli a Grippa (n.50);
ore 17.59 – 18.11: deputati da Gubitosa a Manca (n.50);
ore 18.12 – 18.24: deputati da Mancini a Muroni (n.50);
ore 18.25 – 18.37: deputati da Musella a Piccoli Nardelli (n.50);
ore 18.38 – 18.50: deputati da Piccolo a Ruggiero (n.50);
ore 18.51 – 19.03: deputati da Ruocco a Sportiello (n.50);
ore 19.04 – 19.16: deputati da Squeri a Vianello (n.50);
ore 19.17 – 19.23: deputati da Vietina a Zucconi (n.24).

ore 11,31 – AGI – I mercati guardano alla corsa al Quirinale, ma pensano ad altro. Quello che veramente li preoccupa, in questa fase, e’ la stretta monetaria avviata dalle banche centrali, il surriscaldamento dell’inflazione e l’inversione al ribasso delle Borse. Questo non significa pero’ che non abbiano una propria idea su come andrebbe risolto il ‘rebus’ delle elezioni presidenziali italiane. Per gli investitori, la soluzione ideale sarebbe il mantenimento del ticket attuale, con il tandem Sergio Mattarella al Colle e Mario Draghi a Palazzo Chigi. 

Le dichiarazioni di Conte

ore 11,28 – Ansa -Giuseppe Conte al’ingresso della Camera:  “Noi abbiamo un governo autorevolissimo e abbiamo chiesto tutti insieme con un governo di unita’ nazionale di portare a termine dei risultati. Siamo ancora in piena emergenza, ci sono tanti compiti che non sono ancora conclusi”. 

ore 11,13 – Labitalia – Si è conclusa positivamente la verifica dei poteri dei delegati regionali. Lo ha stabilito l’ufficio di Presidenza della Camera e il Consiglio di presidenza Senato che si sono riuniti congiuntamente questa mattina a Montecitorio, per gli ultimi adempimenti prima delle votazioni per l’elezione del presidente della Repubblica, il cui inizio è previsto per le ore 15

ore 10,59 – Adnkronos – L’accesso al seggio speciale della Camera sarà consentito solo con certificato medico che attesta la quarantena o l’isolamento causa positività al Covid

ore 10,58 – Ansa – Per la prima volta nella storia, l’Aula della Camera dei deputati sarà convocata durante la fase di elezione del presidente della Repubblica per la proclamazione di un deputato subentrante. Si apprende a Montecitorio. La decisione verrà assunta dalla conferenza dei capigruppo convocata per le ore 12:00. Si tratterà di sostituire di Vincenzo Fasano, in deputata di Forza Italia morto ieri.
Normalmente, durante l’elezione del presidente della Repubblica le aule di camera e senato non vengono convocate.

ore 10,55 – Dire – Deborah Bergamini, sottosegretario di Stato ai Rapporti con il Parlamento, nel corso della trasmissione Agorà su Rai3: “Tutte le forze politiche in campo sono titolate a proporre i nomi più autorevoli. Se continuiamo con il solito pregiudizio che i nomi per il Quirinale indicati dal centrodestra non possono essere super partes mentre quelli indicati dalla sinistra lo sono per diritto acquisito, non rendiamo un buon servizio al Paese e non avviamo un dialogo costruttivo. Dobbiamo fare tutti del nostro meglio e confrontarci apertamente come abbiamo fatto al governo. Un terreno comune, quello del governo Draghi, che deve essere considerato un tesoro da preservare e da cui partire”. 

ore 10,54 – Ansa – La durata dello scrutinio per le elezioni del presidente della Repubblica e dello spoglio sarà di circa sei ore. Sono previste tre cabine nell’emiciclo. Entreranno 50 votanti per volta, mentre saranno 200 i parlamentari ammessi in Aula durante le operazioni di spoglio. Lo ha deciso l’ufficio di presidenza di Montecitorio.

ore 10,47 – Askanews – Lucio Malan ospite a Rainews riferisce l’inizio a palazzo Montecitorio della riunione dei grandi elettori Fdi del Presidente della Repubblica con la presidente del partito Giorgia Meloni. L’orientantamento per la prima votazione odierna è per la scheda bianca.

ore 10,39 – Ansa – Pierferdinando Casini, indicato tra i possibili candidati per il Quirinale, rompe il silenzio e parla alla cronaca di Bologna del Resto del Carlino, così come gli altri grandi elettori della città felsinea.
L’ex presidente della Camera ricorda che questa è la sua settima elezione del Presidente della Repubblica (dopo Cossiga, Scalfaro, Ciampi, Napolitano uno, Napolitano due e Mattarella).”Essere testimone di gran parte della vita della nostra Repubblica, lo ritengo già questo un grande privilegio”. Casini sottolinea come “proprio in questi momenti si metta in evidenza la centralità del Parlamento. Ed è molto bello avere l’orgoglio di farne parte, perché rappresenta la collettività nazionale.Troppe volte – conclude Casini – si ridicolizza e si mortifica il ruolo di questa istituzione. Ma in giorni così importanti, riacquista un grande significato e un grande valore repubblicano”

ore 10,23 – Adnkronos – Lucio Malan a Rainews24: “E’ evidente che alla prima, e probabilmente, alle prime votazioni non sarà possibile eleggere un presidente e quindi è verosimile che andiamo verso la scheda bianca, facciamo questa riunione per deciderlo”

ore 10,19 – Adnkronos – E’ iniziato questa mattina il trasloco del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella dalla sua abitazione di via Libertà a Palermo alla nuova casa presa in affitto a Roma. Da ore una ditta di traslochi sta portando fuori dall’appartamento al sesto piano del Capo dello Stato divani e alcuni mobili che verranno portati a Roma. Il Presidente, come si apprende, è nella sua abitazione. E non dovrebbe uscire. Seguirà quindi da casa i primi scrutini per il suo successore.

ore 10,05 – Ansa – Vittorio Sgarbi intervistato da La Stampa, racconta che Berlusconi “soffre”, perché la rinuncia a correre per il Quirinale “gli appare come un’ingiusta sconfitta”.

Misure per votare

ore 10,03 – Ansa – “La prima elezione in era Covid richiede misure di prevenzione attente: si vota in 50 alla volta, massimo 200 persone in Aula e per i contagiati è previsto il voto drive in nel parcheggio di via della Missione.
Ma, nonostante i contatti frenetici e gli incontri previsti in mattinata, è stallo tra i partiti e l’indicazione della maggior parte dei gruppi per la prima chiama, che prevede i due terzi dei votanti, sarà di votare scheda bianca”.

ore 10,03 – Ansa – Francesco Boccia, dirigente del Partito democratico,  intervistato da La Stampa: “Anche se uno prende dieci voti in più, non ha i numeri per eleggere da solo il presidente”. Secondo l’ex ministro dem, “la candidatura di Andrea Riccardi è un segnale alla destra per dimostrare che ci sono tante personalità patrimonio collettivo del Paese”.”Abbiamo l’obbligo di parlarci, non di contarci”

 

Print Friendly, PDF & Email