Tra referendum e amministrative, chi ha vinto davvero è il popolo dell’astensionismo. Un vero partito, se si considerano le percentuali altissime riportate dal Viminale. Il tema dell’astensionismo domina da anni il dibattito politico. Elezione dopo elezione, tornata dopo tornata, la partecipazione elettorale del popolo italiano è diminuita in maniera sostanziale.

Andando a guardare le dimensioni del fenomeno nel nostro paese, grazie alla tornata che si è appena conclusa possiamo fare un po’ il punto della situazione. Si parla molto di crisi dell’elettorato, vediamo se davvero è così. A mio avviso, più che di crisi, parlerei di qualcosa di più complesso che racchiude in se vari aspetti, a partire dal mancato senso di fiducia nella politica fino ad arrivare all’incomprensione dell’azione politica come ricaduta nella vita quotidiana.

Diceva bene Gramsci nella sua lettera “Odio gli indifferenti”.

Nel suo passaggio “Tra l’assenteismo e l’indifferenza poche mani, non sorvegliate da alcun controllo, tessono la tela della vita collettiva” nessuno meglio di lui aveva mai analizzato con eguale profondità ed acutezza, la composizione della società italiana, in tutti i suoi elementi costitutivi, nelle sue classi, nei suoi ceti intermedi, nella dinamica dei rapporti intercorrenti fra di loro.

Nessuno, ne aveva mai determinato con eguale precisione, i vizi fondamentali che ne imbrigliano lo slancio, ne ostacolano lo sviluppo e ne paralizzano lo sforzo progressivo. Il paradosso è, che una forza politica come il Movimento 5 Stelle, viene percepita in maniera negativa rispetto alle altre forze politiche che invece negli anni hanno distrutto il Paese e hanno cancellato la maggior parte dei pilastri fondamentali del vivere quotidiano. 

In conclusione, quello che più sconcerta e che ci preoccupiamo che un certo tipo di politica viene accusata di essere lontana dai cittadini, senza chiedersi se invece sono proprio i cittadini che non vogliono stare vicino ad una politica etica e giusta, rispetto a quella ruffiana e opportunista.

Print Friendly, PDF & Email