“In questi anni segnati dalla pandemia lo smart working si è rivelato uno degli strumenti più efficaci per arginare i contagi e garantire al contempo la continuità dei servizi essenziali” è quanto afferma in una nota la Capogruppo M5S in Commissioni Affari Costituzionali alla Camera Vittoria Baldino.

Quando è arrivata la pandemia  – prosegue la Baldino – ci siamo trovati impreparati, nonostante di lavoro agile si parli da più di venti anni, ma dai dipendenti pubblici è arrivata una grande risposta. Per noi del Movimento 5 Stelle è ora di ripensare le modalità di organizzazione del lavoro sia pubblico che privato, abbandonando la logica medievale del cartellino a vantaggio di un sistema fondato sugli obiettivi e sulla flessibilità di tempo e di spazi”.

“Questo nuovo modello organizzativo  – conclude la deputata pentastellata – porterà dei vantaggi sia al benessere individuale, consentendo di conciliare meglio il lavoro con la vita privata, sia al benessere collettivo, per esempio decongestionando il traffico, tutelando l’ambiente e abbassando le emissioni, ma anche aumentando la produttività. Ci attende una stagione di grandi cambiamenti, il lavoro è uno di quei settori in cui gli italiani si aspettano un maggiore cambio di passo, tanto più quando si parla di lavoro pubblico, da cui dipende l’efficienza dell’intero sistema Paese. Se non ora, quando?”

Print Friendly, PDF & Email