L’approvazione della legge che disciplina la rappresentanza d’interessi è un traguardo frutto del grande lavoro in commissione portato avanti dal Movimento 5 Stelle per affermare l’importanza della regolamentazione di un’attività’, che se compiuta in modo trasparente e inclusivo, tende a promuovere partecipazione, trasparenza e inclusione nelle decisioni pubbliche, migliorando quindi la qualità delle leggi e della democrazia – così in una nota sulla sua pagina face book, l’onorevole Vittoria Baldino.

LE NOVITÀ

Tra le novità di questo provvedimento – prosegue la Baldino –   vi è certamente l’istituzione presso l’Autorità Garante della Concorrenza del Mercato, del Registro per la trasparenza dell’attività di rappresentanza di interessi. La regolamentazione delle attività di lobbying, infatti, si inserisce tra la salvaguardia del diritto alla libertà di associazione e della partecipazione e l’eliminazione delle opportunità di corruzione. Con questa legge ci allineiamo agli standard europei e accogliamo le numerose diffide formulate da mezzo mondo al nostro Paese.

IL PERCORSO

Non è stato un percorso assolutamente semplice – conclude la parlamentare pentastellata – l’iter di approvazione è durato 2 anni, caratterizzato da un fitto confronto politico dove si è cercato di perseguire un obiettivo storico pur considerando i diversi orientamenti politici. Oggi il Parlamento, dopo i tentativi falliti negli ultimi cinquant’anni, compie un grande passo in avanti, anche alla luce della grande stagione di investimenti pubblici inaugurata con il PNRR e per questo, è fondamentale che il provvedimento sulla rappresentanza d’interessi diventi legge nel più breve tempo possibile, per non vanificare il prezioso lavoro fatto finora.

Adesso la palla passa al Senato!

Print Friendly, PDF & Email